Starburst on Lights in Bourbon Aging Warehouse

Tutto sulle botti e la loro influenza sul whisky

In questo articolo troverai tutte le informazioni relative all’influenza delle botti nella produzione del whisky.

  1. Introduzione: Il whisky e la botte
  2. Influenza del precedente riempimento
  3. Dimensioni della botte
  4. Finitura nella produzione di whisky
  5. Domande frequenti
iStock-1002117680 (1)
Il whisky e la botte

Uno spirito fresco di distillazione, il cosiddetto “new make”, non solo è completamente incolore e ad alta gradazione (fino all’85%), ma ha anche un sapore – almeno rispetto al nostro amato whisky – molto meno complesso e in parte ruvido. Potrebbe essere bevuto in teoria, ma è completamente sbilanciato e grezzo, privo della raffinatezza e del corpo equilibrato che caratterizzano un buon whisky, senza parlare del colore. Ha quindi senso che un tale distillato possa essere chiamato whisky solo dopo un periodo minimo di maturazione di tre anni in botti di rovere. Ma come riesce la botte di legno a trasformare il new make nella nostra bevanda preferita?

Il processo di maturazione in botte può essere suddiviso in diverse fasi:

1. Maturazione sottrattiva: il new make ha un sapore pungente, spesso metallico e generalmente sgradevole. Gli elementi responsabili di questi sapori vengono persi nel corso di 5-8 anni attraverso le doghe della botte, dando al distillato, ora chiamato whisky, la possibilità di perdere il suo carattere acre e acerbo.

2. Maturazione additiva: Mentre fino ad ora al distillato sono stati principalmente sottratti composti, ora inizia ad arricchirsi con le componenti aromatiche del legno. In particolare, con note di vaniglia e zucchero (xilosio) e più in generale, con aromi “legnosi” che si fondono sl whisky. Questo gli conferisce corpo e gusto.

3. Maturazione interattiva: Con l’avanzare della maturazione, si verifica un’interazione tra il carattere dello spirito (determinato dal malto utilizzato, dalla forma dell’alambicco e dall’arte del master distiller) e l’influenza del legno che, sebbene diventi più debole, persiste più a lungo. Questa reciproca influenza porta ad un profilo di gusto perfettamente equilibrato e a un aroma multistrato del whisky.

iStock-859708976

Questa ultima fase è spesso utilizzata per conferire al whisky ulteriori sfumature aromatiche e gustative, attraverso il travaso anche in altre botti. Questo processo, di solito della durata di diversi mesi, è chiamato “finitura” ed è una sorta di procedura di “gestione del legno”. Sono particolarmente apprezzate le botti provenienti dalle regioni spagnole dello sherry, conosciute come “butts” e con una capacità di circa 500 litri, o le botti di vino ex-porto, note come “pipes”, con una capacità di circa 650 litri.

Le botti vengono spesso riutilizzate più volte, dopo essere state tostate nuovamente prima di ogni riempimento. In media, si stima che una botte ex- bourbon possa essere utilizzata per un periodo di 30-40 anni (escludendo i primi anni in cui ha contenuto bourbon). Le botti di legno europee (sherry, ecc.) rilasciano i loro aromi più lentamente nel whisky. Queste botti sono impregnate degli aromi vinosi della loro “vita precedente”, caratterizzati da una dolcezza intensa, soprattutto nel caso dello sherry oloroso. Essi influenzano naturalmente l’aroma e il gusto del whisky in botte, conferendogli dolcezza, tannini e un carattere ricco.

Infine, il whisky acquisisce anche il suo colore attraverso la maturazione in botte, anche se spesso, persino nei whisky di alta qualità, l’aggiunta di caramello ne regola l’aspetto finale. Le botti di vino Porto colorano naturalmente il whisky, donandogli una tonalità quasi rosso scuro.

Influenza del precedente riempimento

In che modo il contenuto precedente influisce sul whisky finito? Fondamentalmente, ogni processo di maturazione è diverso. Ogni botte è unica e costituisce un prodotto naturale. Di conseguenza, ci sono chiare variazioni tra le diverse botti. Tuttavia, è possibile descrivere un’influenza di base dei diversi tipi di botte come segue:




Contenuto precedente Influenza sul gusto Influenza sul colore
Whisky o whiskey
Bourbon Dolce, vaniglia, caramello, caramelle alla crema dorato
Peated Malt Sottile nota di fumo dorato
Sherry
Amontillado Agrodolce, note di nocciola, secco ambrato
Fino Dolce, fruttato, secco chiaro
Manzanilla Secco, leggere note di frutta chiaro
Oloroso Frutta secca, note di noci, intenso rosso
Pedro Ximenez (PX) Sciroppo dolce, frutta secca, uva sultanina ambrato
Palo Cortado Aromi secchi e aspri marrone
Altri vini liquorosi
Madeira Fruttato, dolce, secco, speziato ambrato
Marsala Dolce, intenso, speziato rosso scuro
Porto Dolce, frutta secca, spezie, note fruttate corpose rosso
Ruby Port Molto fruttato, bacche scure rosso
Vino
Amarone Secco, frutta matura e uvetta dolce, amaro rosso
Barolo Note di frutta matura, amarezza del rovere rosso
Bordeaux Note di frutta intensa, sentori di frutti di bosco rosso
Borgogna Fruttato, dolce e secco rosso scuro
Chardonnay Frutta tropicale, acidità, note agrumate chiaro
Moscatel (Moscatel) Albicocche, pesche, dolce e floreale mogano scuro
Sauternes Frutta dolce, acidità, note agrumate ambrato
Rum
Rum Dolce, zuccherino, sentori di vaniglia e mandorle, frutta esotica da dorato ad ambrato
Cognac
Cognac Vaniglia e legno di cedro, noce moscata da dorato ad ambrato


Dimensioni della botte

Le botti utilizzate nel processo di maturazione possono variare molto in termini di dimensioni. Nell’illustrazione sono mostrate alcune delle dimensioni più comuni. In generale, le botti più piccole presentano uno scambio maggiore tra legno e il whisky. Questo significa che il whisky matura più velocemente e intensamente, soprattutto in termini di influenze additive. Per questo motivo, nell’industria del whisky, le botti di piccole dimensioni sono spesso impiegate per le finiture, al fine di conferire al whisky una vasta gamma di aromi in tempi più brevi.

casktypes (1)

Anche le nuove distillerie, come Wolfburn, utilizzano molte botti di rovere di piccole dimensioni, soprattutto all’inizio. L’obiettivo è far sì che il whisky raggiunga rapidamente una buona qualità per la vendita. Tuttavia, ciò comporta il rischio che il whisky assorba molti aromi in modo additivo, mentre la maturazione sottrattiva potrebbe non essere ancora sufficientemente avanzata, con conseguente mancanza di complessità dei sapori sviluppati tramite maturazione interattiva nel processo di invecchiamento.

Il formato di botte più comune utilizzato in Scozia è l’hogshead, assemblato dalle doghe delle American Standard Barrels (A.S.B.) generalmente importate dagli Stati Uniti dai produttori di bourbon. Le botti barrique, invece, provengono principalmente dalla produzione di vino, mentre le butts sono botti tradizionali utilizzate per la produzione dello sherry. Le pipes sono utilizzate nella produzione del Porto, mentre le drums in quella del Madeira.

Le botti destinate alla produzione di scotch whisky possono contenere al massimo 700 litri, come stabilito dalla legge. Pertanto, i tipi di botte gorda e tun generalmente non vengono utilizzati per la maturazione del whisky, bensì per la miscelazione di diverse botti prima dell’imbottigliamento.

Islay, Scotland - Sseptember 11 2015: The sun shines on Ardbeg distillery warehouse
Finitura

Il termine “finishing” (dall’inglese “to finish” = affinare) si riferisce alla fase successiva alla maturazione del whisky, in cui questo viene trasferito in botti diverse da quelle utilizzate durante il processo di invecchiamento effettivo. Questo processo è noto come “wood finishing”. Il whisky risultante viene chiamato “double matured” o talvolta addirittura “triple matured”. L’intera procedura è anche nota come “wood management”.

Di solito, un Single Malt Scotch Whisky viene fatto maturare per almeno tre anni – spesso molto più a lungo – in botti di bourbon usate, che vengono importate dagli Stati Uniti per questo specifico scopo. Queste botti sono relativamente economiche e disponibili in grandi quantità, poiché le leggi americane richiedono l’utilizzo di botti di quercia nuove per la maturazione del bourbon e non possono essere riutilizzate.

Oltre al “double cask”, in cui il whisky viene fatto maturare per alcuni mesi in botti ad esempio di sherry, dopo l’invecchiamento in botti ex-bourbon, sempre più distillerie stanno sperimentando il “triple wood”, ovvero la post-maturazione in due tipi diversi di botti.

Per arricchire il whisky finito con caratteristiche aromatiche e gustative particolari, prima dell’imbottigliamento viene versato in botti che in precedenza hanno contenuto vino o altri alcolici, solitamente per un periodo compreso tra sei mesi e due anni. Durante il loro primo riempimento, il legno di queste botti si è impregnato di aromi complessi, sapori e persino colori grazie all’interazione con il loro precedente contenuto, che ora viene trasferito al whisky presente al loro interno. L’interazione continua, ma questa volta con un nuovo contenuto.

Questa pratica è sostenuta dalle Scotch Whisky Regulations, emendate nel 2009, le quali stabiliscono che lo Scotch Whisky deve essere un distillato prodotto in Scozia, il cui “colore, aroma e gusto devono derivare dalle materie prime utilizzate, dal metodo di produzione e dalla maturazione” e che non possono essere utilizzati altri additivi oltre all’acqua e al caramello.

Le ragioni per cui le botti di vino ex-sherry ed ex-porto costituiscono la maggior parte delle botti di finitura hanno radici storiche. Contrariamente a quanto si possa pensare, il “wood management” non è una pratica introdotta solo dalla distilleria Glenmorangie nelle Highlands scozzesi. In realtà, molti decenni fa, furono gli imbottigliatori indipendenti, in particolare Gordon & MacPhail e altri, a diventare creativi per necessità.

Questi imbottigliatori indipendenti erano spesso proprietari di negozi di vini e liquori che importavano botti di sherry dalla Spagna e di porto dal Portogallo, molto popolari in Gran Bretagna, per imbottigliarle in loco. Dopo aver svuotato il contenuto delle botti, le utilizzavano per far maturare il whisky o crearne dei blend. Inizialmente, la scelta delle botti era piuttosto casuale.

Naturalmente, non potevano ignorare l’effetto che queste botti avevano sul whisky conservato al loro interno, e così è nato il wood management, anche se all’epoca non aveva ancora questo nome. Solo quando la già citata distilleria Glenmorangie e la William Grant & Sons hanno trasformato questa pratica in una vera e propria scienza, hanno iniziato a proporre diverse finiture a partire dagli anni ’90. Chi beve whisky da un po’ di tempo probabilmente ricorderà ancora le finiture “Sherrywood” e “Portwood” di Glenmorangie, che ebbero molto successo, così come il Balvenie 12 Years Double Wood.

Oggi esistono numerosi whisky single malt che vengono fatti maturare in una, talvolta anche due o più botti diverse. Anche se le botti ex-sherry sono ancora molto utilizzate e le botti di vino ex-porto hanno la loro importanza, nei magazzini delle distillerie di whisky scozzesi si trovano sempre più spesso botti di Madeira o Sauternes e, più recentemente, anche botti di Borgogna o persino di Chardonnay. Un aspetto particolare riguarda le botti usate di rum, le quali conferiscono ad esempio al Talisker 8 Special release 2020 il suo tocco distintivo. Le botti usate di Calvados o Cognac, a causa della loro origine insolita per il whisky, vengono considerate “esotiche” nel contesto delle opzioni di finitura.

iStock-1340673943 (1)

Ma perché non utilizzare queste botti di finitura per l’intero processo di maturazione del whisky single malt? Ciò è dovuto in parte alla disponibilità piuttosto limitata di queste botti europee, ma soprattutto perché la loro influenza sulla maturazione di un whisky scozzese, che di solito dura più di dieci anni, sarebbe troppo dominante e influenzerebbe eccessivamente il gusto e l’aroma del whisky, alterandone la naturale essenza.

Le botti di vino ex-sherry ed ex-porto sono tra le più comunemente utilizzate e conferiscono al whisky accenti dolci e vinosi, che si combinano armoniosamente con il suo carattere di base, rendendo il risultato finale molto apprezzato e contribuendo significativamente al suo successo. In particolare, le botti ex-porto donano al whisky un colore intenso e scuro in modo completamente naturale, senza la necessità di aggiungere elevate quantità di caramello. Un whisky prodotto in questo modo può essere fieramente chiamato “natural color”, distinguendosi dalla concorrenza spesso colorata successivamente.

Naturalmente, ci sono anche dei puristi che ritengono che questo tipo di processo possa distorcere il carattere originale del whisky; la discussione è ancora in corso, così come l’introduzione di metodi di finitura sempre più sofisticati. In ogni caso, è interessante notare che un wood management ben riuscito può portare a risultati di qualità e aggiungere sfumature al whisky single malt. Alla fine, sarà il mercato a decidere quale approccio sarà più apprezzato.

Domande frequenti

Quanto incide il costo delle botti sul prezzo del whisky?

Il costo delle botti è in costante aumento: l’acquisto delle botti rappresenta approssimativamente il 10% dei costi totali di produzione di un whisky e questa tendenza è in crescita.

In generale, l’utilizzo di botti di rovere per l’invecchiamento del whisky è prescritto dalla legge in quasi tutto il mondo. Esistono due tipi di quercia che possono essere utilizzati: la prima è la quercia americana (Quercus alba), caratterizzata da una crescita rapida, rettilinea, una struttura a pori larghi e un elevato contenuto di vanillina. La seconda è la quercia europea (Quercus robur), che cresce molto più lentamente e in modo irregolare, ma il suo legno ha un contenuto di tannini significativamente più elevato. Entrambe le specie hanno una percentuale di cellulosa poco inferiore al 50%, mentre il resto è costituito da emicellulosa, lignina e numerose sostanze aromatiche.

Cosa si intende per “first fill”?

Per “first fill” si intende il primo riempimento di whisky che riceve una vecchia botte di bourbon (o di sherry, ecc.). Naturalmente, l’influenza della botte sul whisky è ancora più forte in questo caso, ed è per questo che i whisky maturati in queste botti sono solitamente più costosi.

Per legge, il 100% del whisky americano deve essere maturato in botti di rovere nuove, che possono essere utilizzate una sola volta. Queste botti, di solito con una capacità di 200 litri (le cosiddette A.S.B.: American Standard Barrel), non possono più essere utilizzate per la produzione di whisky americano dopo il primo utilizzo, che dura solitamente tre o quattro anni. Grazie all’uso di legno fresco, queste botti rilasciano molte note al whisky americano, in particolare vaniglia e tannini, assorbendo in cambio i sapori dello spirito.

Queste botti vengono poi acquistate dalle distillerie di whisky scozzese per essere utilizzate nella maturazione del single malt whisky. Poiché queste botti hanno già contenuto whisky per diversi anni, sono già in parte esaurite e hanno un effetto meno pronunciato e molto più discreto sul distillato scozzese che vi viene versato. Prima del riempimento, questi barili vengono “tostati” per uccidere eventuali germi, cioè carbonizzati dall’interno con una fiamma, intensificando così l’interazione con lo spirito.

Poiché i fondi e i coperchi delle botti sono stati danneggiati durante lo smontaggio prima del trasporto in Europa, tutte le botti di ex bourbon ricevono nuovi coperchi e fondi.

Whisky consigliati
per principianti

Glenlivet 12-year-old Double Oak

Gradazione: 40,0%

Eccellente single malt di 12 anni della distilleria Glenlivet nello Speyside, che matura in botti di rovere europee e americane. È un'espressione immensamente popolare che è scomparsa dagli scaffali nel 2015, ma da allora è tornata! Un grande esempio del carattere dei whisky di Glenlivet, che vanta un'abbondanza di frutta, fiori fragranti e note di malto mielate, il tutto accompagnato da una sensazione cremosa in bocca.
34,90 €
49,86 € / l
Glenlivet 18-year-old Batch Reserve

Gradazione: 40,0%

Questo eccellente whisky scozzese single malt di 18 anni di Glenlivet è un classico dram dello Speyside, maturato in una combinazione di botti di rovere americano di primo e secondo riempimento e di sherry. Ha vinto due ori all'International Wine and Spirits Competition.
79,90 €
114,14 € / l
Nikka Whisky from the Barrel

Gradazione: 51,4%

La pluripremiata miscela Nikka Whisky From The Barrel è assolutamente ricca di sapore. Imbottigliato a 51,4% ABV. La miscela combina sia whisky single malt che whisky di cereali provenienti dalle distillerie Miyagikyo e Yoichi, che sono poi stati sposati in una grande varietà di botti, tra cui botti di bourbon, botti di sherry e hogshead di ricarica. Un'enorme profondità di sapori in questo straordinario whisky giapponese. Non lo raccomanderemo mai abbastanza.
43,90 €
87,80 € / l
Fettercairn 12-year-old

Gradazione: 40,0%

Una delle quattro nuove espressioni di Fettercairn lanciate nell'agosto 2018, il Fettercairn 12 Year Old è stato concepito per incarnare il carattere floreale e di frutta esotica della distilleria. È stato maturato in botti di bourbon di quercia americana e imbottigliato al 40% di ABV.
49,90 €
71,29 € / l
Ardbeg An Oa

Gradazione: 46,6%

È risaputo che la distilleria Ardbeg può essere soggetta a venti incredibilmente forti, piogge battenti e a inquietanti coperture di haar. Tuttavia, questi frequenti eventi atmosferici sarebbero molto più estremi se non ci fosse il Mull of Oa. Dal punto di vista topografico, la distilleria è riparata dagli eccessi del potente Atlantico da questa penisola arrotondata nel sud di Islay. Questo vasto promontorio sporgente è l'ispirazione per Ardbeg An Oa! Come il Mull of Oa, è notevolmente arrotondato. Ciò è dovuto in gran parte a un periodo trascorso nel nuovo Gathering Vat di Ardbeg. All'interno di questo recipiente vengono uniti whisky provenienti da diversi tipi di botte, tra cui il dolce Pedro Ximenez, lo speziato Virgin charred oak e l'intenso ex-bourbon, dove si mescolano e si amalgamano. Il risultato è un dram con una potente affumicatura, mitigata da una dolcezza morbida e deliziosa. La tipica torba di Ardbeg, il cioccolato fondente e l'anice sono avvolti da un morbido e setoso gusto di toffee, pepe nero e chiodi di garofano, prima di salire verso un intenso crescendo di sapore. Non filtrato a freddo.
66,90 €
95,57 € / l
%
Bowmore 12-year-old

Gradazione: 40,0%

Il cuore della gamma Bowmore, il 12 anni mostra alcune belle note costiere con una delicata torba; è l'equilibrio che l'elemento floreale presenta a renderlo un ottimo imbottigliamento d'ingresso per Bowmore.
32,00 € 37,00 € -14%
45,71 € / l
Chita Distiller's Reserve

Gradazione: 43,0%

Questo single grain whisky di Suntory è stato maturato in una combinazione di botti ex-vino, ex-sherry ed ex-bourbon. È un whisky ben bilanciato, con un corpo leggero e aromi complessi di mentolo, miele di manuka e acqua di rose al naso, seguiti da bacche di vaniglia, cardamomo e noce moscata al palato.
54,90 €
78,43 € / l
Matthew Fireplace 70cl

Gradazione: 46,6%

Dall’unione di Dream Whisky e Mr Matthew nasce il desiderio di creare un whiskey che affonda le sue radici nella tradizione irlandese e allo stesso tempo celebra lo stile di vita italiano, prestando estrema attenzione alla selezione dei cereali utilizzati e alle tecniche di fermentazione e distillazione. La prima release ufficiale è stata chiamata FIREPLACE, il whiskey che riaccende i ricordi, il cui nome vuole rievocare la sensazione che si prova quando se ne degusta una porzione.
74,90 €
107,00 € / l
Rittenhouse Straight Rye

Gradazione: 50,0%

Estremamente apprezzato dagli amanti del Rye, questo whiskey è un must per gli appassionati del whiskey americano. Complesso e potente, è l'ideale per un Manhattan con il Rye. Ha persino conquistato il titolo di Miglior Whiskey Americano del Mondo ai World Whisky Awards 2010, superando la concorrenza, incluso George T. Stagg.
41,90 €
59,86 € / l
Port Askaig 08-year-old SMS

Gradazione: 45,8%

Whisky scozzese single malt di 8 anni dell'Isola di Islay, imbottigliato per la gamma Port Askaig di Speciality Drinks. Piacevolmente affumicato ed elegante - un'ottima introduzione alla gamma.
54,90 €
78,43 € / l
Consigliato
Cotswolds Signature Small Batch Release

Gradazione: 46,0%

Primo whisky mai prodotto nelle Cotswolds, il pluripremiato Cotswolds Signature Single Malt Whisky è prodotto utilizzando il miglior orzo Cotswold coltivato localmente e tradizionalmente maltato a terra. Appartenente alla Collezione Classics, il Signature Single Malt predilige le note fruttate, ricche e decise, che derivano dalla maturazione nelle nostre ex barrique di vino rosso altamente attive STR (Shaved, Toasted and Re-charred). Miscelato con whisky maturato in botti ex-Bourbon di primo riempimento, questo single malt presenta note di miele, frutti rossi e un pizzico di melassa.
59,90 €
85,57 € / l
%
Knob Creek Rye Small Batch

Gradazione: 50,0%

Il Rye Whiskey di Knob Creek è finalmente arrivato! Presentato negli Stati Uniti nel 2012, il Rye di Knob Creek è arrivato anche sulle nostre coste, portando con sé un profilo aromatico che rappresenta un meraviglioso equilibrio tra i classici whiskey di segale speziati e i bourbon più dolci e vanigliati ad alto contenuto di segale.
38,00 € 42,90 € -11%
50,67 € / l
Linkwood 2011 Wilson & Morgan Barrel Selection

Gradazione: 46,0%

Dalla lunga collaborazione con il nostro importatore ungherese, abbiamo ottenuto alcune botti superlative che erano state utilizzate in precedenza per invecchiare il dolcissimo vino Patricius di Tokaj. Quale miglior abbinamento che con un whisky fruttato e floreale dello Speyside. Dopo un finish di due anni in queste preziose botti, siamo appagati dal risultato. Come previsto, è molto succulento: al naso offre molta uva sultanina, datteri, albicocche e pesche, pur mantenendo un carattere agrumato che evita eccessi di dolcezza. È abbastanza caratterizzato dalla cera e ipermaturo, tuttavia, e questi tratti si ritrovano anche al palato. Pur non tradendo il carattere dello Speyside, ha un tocco marcatamente mieloso, di nuovo con un’equilibrata influenza delle note di macedonia e agrumi canditi. L’elevata acidità del vino impedisce la stucchevolezza, e rimane quindi molto appetitoso e pepato.
54,90 €
78,43 € / l
Maker's Mark Red Wax

Gradazione: 45,0%

Maker's Mark è un bourbon whisky prodotto a Loretto, nel Kentucky. La distilleria Maker's Mark è stata fondata nel 1954 e oggi produce circa 1 milione di bottiglie di whisky all'anno. Il marchio Maker's Mark è noto per il suo sigillo di cera rossa, che viene applicato a mano su ogni bottiglia. Secondo il produttore, il bourbon Maker's Mark è distillato con la gradazione più bassa di qualsiasi altro whisky statunitense. In questo modo si ottiene un bourbon che conserva un sapore ricco. Sviluppato da Bill Samuels Sr, ha sostituito la segale con grano rosso invernale per ridurre la sensazione di bruciore del whisky. Un whisky brillante (NB: Maker's Mark è una delle poche distillerie negli Stati Uniti a scrivere whisky senza la "e"!), prodotto con un mashbill che utilizza il grano al posto della segale. Il risultato, quindi, può essere descritto come un "wheated bourbon", e per questo è ancora più morbido e cremoso! Maker's Mark è prodotto con un processo di sour mash, il che significa che ogni lotto di whisky è prodotto utilizzando una parte del mash fermentato del lotto precedente. Questo rende il whisky Maker's Mark unico, in quanto ogni lotto ha un proprio profilo aromatico.
31,90 €
45,57 € / l
Ben Nevis 10-year-old

Gradazione: 46,0%

Whisky invecchiato per un minimo di 10 anni; marriage di botti ex bourbon e ex sherry imbottigliato al grado alcolico di 46%vol.
69,90 €
99,86 € / l
Matthew Fireplace 20cl

Gradazione: 46,6%

Dall’unione di Dream Whisky e Mr Matthew nasce il desiderio di creare un whiskey che affonda le sue radici nella tradizione irlandese e allo stesso tempo celebra lo stile di vita italiano, prestando estrema attenzione alla selezione dei cereali utilizzati e alle tecniche di fermentazione e distillazione. La prima release ufficiale è stata chiamata FIREPLACE, il whiskey che riaccende i ricordi, il cui nome vuole rievocare la sensazione che si prova quando se ne degusta una porzione.
27,90 €
139,50 € / l
backgroundimage-pionieri

Per pionieri coraggiosi

Una selezione di whisky con gusti insoliti e audaci, appositamente ricercati per coloro che amano sperimentare nuove e curiose sfumature.

I consigli sul whisky
dello Zio

In merito al whisky sorgono spesso numerose domande riguardanti il gusto dei diversi single malt, la corretta degustazione dei prodotti, il giusto stoccaggio delle bottiglie e alle differenze tra i vari whisky provenienti dai diversi paesi di produzione.

In questo sito troverete una raccolta di articoli specifici suddivisi per categorie che vi aiuteranno a rispondere a queste prime domande.

backgroundimage-zio

Contatto diretto

Lasciati consigliare personalmente da Zio Whisky